Visualizzazione post con etichetta abito da sposa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta abito da sposa. Mostra tutti i post

giovedì 15 agosto 2013

Se non sei PRONTO a mordere è inutile che ringhi


Agosto di cambiamenti. Di valige da fare, e da disfare, e poi da fare un'altra volta. Una volta in più. Una ancora. Agosto di resa dei conti. Agosto di conti che devono tornare. Agosto che è un ultimo sforzo di pazienza e, poi, chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato, scurdammece 'o passat, se il passato s'è scordato di noi.
Agosto di cavalli di razza che si vedono all'arrivo. Nel senso che, giunti alla fine, al traguardo, al capolinea, aquellochecazzovipare, bisogna stare a vedere com'è che si rimettono in corsa, e si lanciano nuovamente al galoppo.

Agosto che mi devi portare bene. O, almeno, mi devi portare. Da qualche parte. Una qualunque. Basta che mi porti. L'immobilità mi manda al manicomio. Agosto di coraggio preso a due mani. E di prese di posizione. Perché va bene tutto. Tranne le prese per il culo. Per quelle, abbiamo già dato. Abbi pazienza. Agosto che, col caldo, ci si deve spogliare non soltanto dei vestiti: via pure le maschere, le bugie che feriscono, gli inganni che fanno lo sgambetto alla fiducia. E quella, povera, inciampa. Agosto senza saldi. Senza sconti di onestà.
Agosto che un vincente trova sempre una strada. Un perdente una scusa. Agosto di punti di rottura. Non più di sutura. Ho finito ago e filo. Adesso è dentro. O fuori. Agosto senza scuse.

(Antonia Storace da Il giardino dei ciliegi)

mercoledì 3 aprile 2013

Ogni donna, in fondo, sogna l'abito bianco


Ecco ci siamo.
Anch’io sono una donna come le altre.
Inutile pensare che non lo sia. Stupido credere che il morbo del matrimonio abbia oltrepassato la fermata davanti a casa di Blue. No, non è cosi.
Può averla scalzonata per un periodo, aver deviato il percorso dovuto dalla sistemazione del manto stradale, forse ha dirottato per questioni di pubblica sicurezza o forse, è stata rimossa temporaneamente l’arrêt obligatoire. Fatto sta che ad un certo punto della vita, a tutte le donne, viene la voglia di sposarsi.
È successo anche a me?
No. Non ancora per lo meno.
Ma questo non significa che non abbia mai pensato all’abito da sposa.
Non ho mai detto che non mi piacerebbe passare intere giornate a scegliere tra mille vestiti di stilisti da urlo, quello che sarà l’abito più bello della vita.

martedì 27 dicembre 2011

L'abito da sposa di Blue









I migliori amici delle donne secondo la bellissima Marilyn erano i diamanti. Risuonavano acute le note mentre si accingeva a cantare Diamonds Are a Girl's Best Friend, canzone inserita nella sceneggiatura originale del musical Gli uomini preferiscono le bionde del 1949. Non dice nulla di nuovo sul fatto che la verità vera è che se hai un diamante al dito tutto è piu bello e risolvibile, “cause we are living in a material world and I am a material girl” non è materialismo ma semplice sopravvivenza, gli uomini passano i diamanti no.